“Viaggio nell’affascinante mondo del CERN” – Incontro con il Prof. Marcello Abbrescia

Diapositiva1Venerdì 13 dicembre 2019 alle ore 16:00, nella Biblioteca del Liceo Scacchi, il Prof. Marcello Abbrescia (Università e Politecnico di Bari e INFN Sezione di Bari), responsabile scientifico nazionale del progetto Extreme Energy Events, terrà un seminario dal titolo “Viaggio nell’affascinante mondo del CERN”.

La nascita e la vita del CERN di Ginevra, il più grande Centro di Ricerca di Fisica Fondamentale al mondo, saranno ripercorse per i nostri studenti.

All’incontro, pensato per i ragazzi del progetto EEE, sono invitati tutti i colleghi interessati e gli studenti delle quinte classi desiderosi di approfondire il ruolo della ricerca scientifica e della collaborazione internazionale nel progresso umano.

INTERNATIONAL COSMIC DAY (6 Novembre 2019)

È in arrivo, il prossimo 6 novembre,  l’ottava edizione dell’International Cosmic Day, l’evento divulgativo più noto nel campo dei raggi cosmici, organizzato dal centro di ricerca Desy. Anche quest’anno gli studenti del Progetto Extreme Energy Events aderiranno all’iniziativa, recandosi nelle 10 sedi italiane individuate per questa attività, presso cui verranno accolti dai ricercatori del Progetto. La giornata si aprirà con un collegamento tra tutti i partecipanti EEE, per assistere a una lezione generale sui raggi cosmici, seguita da un video messaggio del professor Giovanni Losurdo, fisico INFN e Project Leader di Advanced VIRGO. Una rappresentanza del gruppo SENIOR EEE del Liceo Scacchi, insieme alle Professoresse Marina Muscarella e Stefania Turbacci, si recherà presso il Dipartimento Interateneo di Fisica dove, sotto la guida di ricercatori esperti, potrà svolgere attività di raccolta ed analisi dati ed assistere a lezioni e seminari.

ICD

Il Liceo Scacchi al 105° Congresso Nazionale della Società Italiana di Fisica

Si è appena concluso, nella prestigiosa cornice del Gran Sasso Science Institute a L’Aquila, il 105° Congresso Nazionale della Società Italiana di Fisica, annuale appuntamento che richiama centinaia di fisici dall’Italia e dall’Estero ad un confronto aperto su ricerche ed esperienze.
Nella sezione VII del Congresso, “Didattica e Storia della Fisica“, è stata presentata dalla Professoressa Marina Muscarella una comunicazione orale su una parte del lavoro svolto durante lo scorso anno scolastico nella nostra scuola dal Team di Docenti e Studenti  del progetto Extreme Energy Events.
Il progetto ha visto impegnati circa quaranta studenti del triennio e, oltre alla Professoressa Muscarella ed alla Professoressa Bianca Fanti, anche i Professori Ilaria Iusco, Stefania Turbacci, Nicola Fusco e Domenico Ricchiuti. 
 
Nello specifico, la presentazione ha riguardato la misura della velocità di arrivo dei muoni rivelati dal detector  presente nella nostra scuola, ed una proposta di attività didattica basata su questa misura da utilizzare in classi che vanno dalla seconda alla quinta liceo.
Il team di Docenti EEE ringrazia ancora una volta  tutti i ragazzi per l’impegno, la classe 2i a.s. 2018/2019 che si è lasciata coinvolgere in questa proposta didattica insolita, il Dirigente  e tutta la Comunità Scolastica dello Scacchi per il sostegno.

Il Liceo Scacchi alla Notte dei Ricercatori

Venerdì 27 settembre si terrà la nuova edizione della Notte dei Ricercatori, iniziativa internazionale di divulgazione scientifica promossa dalla Commissione Europea.

Tra gli stand allestiti dalle istituzioni di ricerca baresi, il liceo Scacchi avrà uno spazio espositivo nella sezione poster, dove gli studenti del gruppo “Extreme Energy Events” potranno illustrare alcune delle attività salienti svolte nell’ambito dello studio dei Raggi Cosmici.

L’appuntamento per tutti è al Fortino di Sant’Antonio, venerdì 27 settembre, dalle 11 fino a tarda sera.

Un articolo di due studentesse dello Scacchi sulla rivista dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Lo scorso 5 aprile un piccolo gruppo di studenti del progetto EEE ha partecipato alla FERMI masterclass,  giornata di formazione sull’ esperimento FERMI, organizzata dalla locale sezione dell’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare in rete con enti di ricerca nazionale e internazionale.
Al termine tutti gli studenti partecipanti dalle varie sedi sono stati invitati a redigere un articolo sulla loro esperienza.

L’articolo delle studentesse Elettra Colonna (4C)  e Chiara Neglia (4E)  è stato scelto tra tutti quelli pervenuti alla redazione della rivista ufficiale dell’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) “Asimmetrie” e sarà a breve pubblicato.

Ai complimenti della redazione di “Asimmetrie” si uniscono quelli di tutta la scuola!
20190405_132953

Lo Scacchi all’International Muon Week

IMW
Dall’1 al 5 aprile scorso si è tenuta l'”International Muon Week“, una settimana di misure di velocità di arrivo dei muoni a terra che ha visto coinvolte 54 istituzioni fra scuole e grandi centri di ricerca in tutto il mondo. Capofila della raccolta dati il celebre FERMILAB, vicino Chicago. I muoni sono particelle subatomiche che in buona parte si originano negli strati alti dell’atmosfera terrestre e dopo poco decadono in altre particelle.  La loro vita è  talmente breve che, pur essendo molto veloci (quasi quanto la luce) non dovrebbero raggiungere il suolo. Tuttavia, proprio a queste velocità elevate, le correzioni relativistiche diventano importanti e “allungano” la vita ai muoni.
Il nostro Liceo ha partecipato nell’ambito della collaborazione EEE, insieme ad altre scuole italiane, alla procedura di misura, interamente condotta dal gruppo di studenti JUNIOR  del terzo anno (18 studenti delle classi 3C, 3D, 3E, 3G, 3H, 3I). La velocità misurata per i muoni che attraversano il nostro rivelatore è risultata di a (28,8 +- 3,8) cm/ns pari al 96% circa della velocità della luce.
Il report completo al link:

Il contributo dello Scacchi ai lavori della decima conferenza EEE

EB175AEF-25B6-4020-BE6F-47482011A96B 20CD700D-73C7-4F22-927E-B0A4942F212A EE84CF75-8FED-427E-B56E-9B24A35170D1 C702B756-9FA2-4812-98CC-642D7980737D

Il progetto ExtremeEnergyEvents, attivo nel nostro liceo ormai da 10 anni, offre costantemente ai nostri studenti entusiasmanti opportunità di crescita culturale, come quella che Letizia Cassano,IV C, e Gaetano Cherubino, VB, accompagnati dalla prof.ssa Bianca Fanti, hanno vissuto durante la X Conferenza dei Progetti del Centro Fermi, svoltasi a Torino dal 6 all’8 marzo. Circa 40 le scuole coinvolte nelle 3 giornate di conferenze, relazioni, incontri, esercitazioni, attività tutte incentrate sulla fisica dei raggi cosmici e sulla raccolta ed analisi dei dati che i 52 telescopi disseminati sul territorio italiano inviano quotidianamente al centro di calcolo del CNAF di Bologna. La prof.ssa Luisa Cifarelli, presidente del Centro Studi e Ricerche Enrico Fermi, ha accolto gli studenti ed i docenti nella splendida Sala della Cavallerizza Reale, aprendo i lavori ed introducendo la conferenza, in diretta streaming da Ginevra, del prof. Antonino Zichichi. Sono seguite le relazioni, i seminari ed i contributi delle scuole aderenti al progetto. Letizia e Gaetano, in rappresentanza del team del liceo Scacchi, hanno presentato in maniera ineccepibile, con chiarezza e precisione, il lavoro di up-grade effettuato sulla stazione meteo collegata al nostro rivelatore. Li aspetta l’importante compito di mettere a disposizione dei compagni il bagaglio di conoscenze ed esperienze di cui faranno certamente tesoro.

 

Lo Scacchi alla Decima Conferenza EEE

Nuova sfida per il team “Extreme Energy Events” dello Scacchi: il nostro liceo parteciperà alla Decima Conferenza dei Progetti del Centro Fermi- Progetto EEE, che si svolgerà a Torino nei giorni 6,7 e 8 marzo, con una relazione dal titolo “Upgrade Bari-01 set-up with Arduino: a status report”. Il lavoro riguarda un nuovo sistema di misurazione di pressione, temperatura e umidità ambientali correlate al rivelatore di raggi cosmici, sistema implementato dai nostri ragazzi, sotto la guida del dott. Nicola Mazziotta, dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Nella loro relazione, gli alunni Letizia Cassano di IV C e Gaetano Cherubino di V B, in rappresentanza dei loro compagni, illustreranno la procedura di programmazione dei nuovi sensori e l’analisi comparativa rispetto al tradizionale metodo di rilevazione attualmente in uso, prospettando questioni aperte e possibilità di approfondimenti.